GIOCHI DA TAVOLO CINESI > 棋 qí

www.selenedew.com

I GIOCHI DA TAVOLO CINESI

www.selenedew.com
Dettaglio nobildonne di corte concentrate nella pratica del weiqi. Autore anonimo. Colori su rotolo di seta. Ming (1368-1644). cm 46,9 x 1361,2. Proveniente dalle Collezioni Imperiali. Nanjing Museum.

Il qí 棋 è un gioco da tavolo e una forma d'arte, chiamato oggi wéiqí (圍棋) in cinese (go in Giappone e in Occidente), che significa letteralmente "gioco circostante". Le attuali definizioni del qí coprono un'ampia gamma di giochi da tavolo, e dato che nel cinese classico la parola qí poteva riferirsi anche ad altri giochi, alcuni sostengono che il qí delle quattro arti potrebbe risultare ferirsi allo xiangqi. Tuttavia, lo xiangqi è spesso considerato un "gioco del popolo", mentre il wéiqí era un gioco con connotazioni aristocratiche. Esistono molte teorie riguardo all'origine del wéiqí nella storia cinese. Una di queste sostiene che fosse un antico strumento per predire la fortuna usato dai cosmologi cinesi per simulare la relazione dell'universo con un individuo. Un'altra teoria suggerisce che il leggendario imperatore Yao lo inventò per illuminare la mente di suo figlio. Certamente il wéiqí aveva cominciato a prendere piede intorno al VI secolo a.C. quando Confucio lo menzionò nei suoi Dialoghi. Il wéiqí è un gioco in cui due giocatori si alternano collocando pietre nere e bianche su un tavoliere che consiste in una griglia di 19x19 righe. Le pietre sono piazzate sulle intersezioni della griglia. Una volta collocate sul tavoliere, le pietre non si possono spostare, ma si possono eliminare se una pietra o un gruppo di pietre è circondato su quattro lati da pietre del colore opposto che occupano tutti i punti ortogonalmente adiacenti. I due giocatori collocano alternativamente le pietre finché raggiungono un punto in cui nessuno dei due desidera fare un'altra mossa; il gioco non ha condizioni fisse per terminare al di là di questa. Alla conclusione della partita, per determinare il vincitore, si assegnano i punti contando il territorio circondato su ogni lato (lo spazio vuoto insieme alle pietre catturate) e il numero di pietre rimaste sul tavoliere. Le partite possono essere vinte anche per abbandono dell'avversario. Per raggiungere la padronanza di quest'arte è bene ricordare che la pratica rende perfetti (熟能生巧).

INTRODUZIONE AI GIOCHI DA TAVOLO CINESI

Go Game

Scacchi Cinesi


Write a comment

Comments: 0